indietro


25 mag 2016

La Torre aragonese



Oggi i fruitori di Torre Guaceto possono ammirare una Torre completamente rinnovata ed al suo interno l’imponente installazione storico-artistica di una nave romana realizzata per la Riserva da uno dei più famosi maestri d’ascia di riferimento in Italia, Mario Palmieri. E’ stato realizzato proprio questo tipo di imbarcazione da trasporto in scala 1:1 per via di evidenze archeologiche rilevate nelle acque dell’Area Marina Protetta che raccontano dell’utilizzo di questi mezzi per il trasporto in anfora di olio e vino.
Il nuovo allestimento della Torre Aragonese ha reso possibile fare del luogo simbolo della Riserva, un vero e proprio museo.
È prevista la possibilità di effettuare attività guidata all’interno della Torre Aragonese previa prenotazione obbligatoria. 
Per ricevere informazioni ed effettuare prenotazioni, rivolgersi al 331/9277579.

Torre Vicereale a base troncopiramidale, con tre caditoie con archetto per lato, è composta da due vani non comunicanti tra loro, divisi dall’esterno da un cordolo a toro. L'ingresso esterno, è ora inglobato in una costruzione ad un piano fuori terra che si addossa alla torre.
L'interno, al piano Primo, è costituito da un'ampia stanza con copertura a botte di notevoli dimensioni. Da qui e possibile accedere alla copertura attraverso una scala in legno.
Rispecchia le caratteristiche essenziali delle torri del Regno, fatte costruire nel 1563 per ordine della Regia Camera.
La torre esisteva già dall’epoca degli Orsini Conti di Lecce, nel 1440. La sua posizione, oltre a far parte del sistema difensivo costiero, è intimamente legata ad altre torri interne che costituiscono il nucleo principale del castello di Serranova e della masseria Baccatani e Torre Regina Giovanna.
La torre fu rimaneggiata nel 1536 e nel 1654 a spese delle università vicine che beneficiavano della sua guardia, quali S. Vito, Latiano e Carovigno.
Armata nel 1509 da un pezzo di sei libbre, negli anni 1678-9 faceva parte dei beni che la Commenda di Mareggio (Ordine di Malta) possedeva nel feudo detto, appunto, di Guaceto.
La torre, ancora per il suo servizio di guardiania divenne oggetto di contesa tra le università di Carovigno e S. Vito nel 1719.


Responsabile dei recenti lavori è l’architetto Antonio Vetrugno, mentre i contenuti artistici e tecnologici sono stati realizzati dal consorzio CETMA e da “Wild’Art” di Massimiliano Lipperi

Foto: Giuseppe Lanotte



Tag








 

Immagini allegate


Questa pagina è stata vista 17004  volte

 

In evidenza

Registrazione EMAS II della Dichiarazione Ambientale dell'Area Marina Protetta di Torre Guaceto

La Sezione EMAS Italia del Comitato per l'Ecolabel e l'Ecoaudit, nella seduta del 22 dicembre 2005, ha deliberato la registrazione dell'Area Marina Protetta di Torre Guaceto, attribuendogli il numero I-000412 con validità fino al 10/06/2008. Il processo di Registrazione EMAS II, intrapreso nel 2002 ...

Leggi di più

Approvato il Regolamento di Esecuzione ed organizzazione dell'Area Marina Protetta di Torre Guaceto

Con Decreto 26 Gennaio 2009 è stato approvato il Regolamento di Esecuzione ed organizzazione dell'Area Marina Protetta di Torre Guaceto. Tale strumento, previsto dal decreto di istituzione dell'Area Marina Protetta, regolamenta lo svolgimento di alcune attività consentite all'interno dell'Area ...

Leggi di più

Fatturazione Elettronica

Denominazione Ente: Consorzio di Gestione di Torre Guaceto Codice Univoco Ufficio: UF8ZR2 Nome dell'Ufficio: Uff_eFatturaPA Responsabile: Dott. ALESSANDRO CICCOLELLA

Leggi di più

Meteo

 

Avvisi Pubblici e Bandi Attivi

Sono presenti n. 3 bandi attivi


data pubblicazione: 02/01/2017
data scadenza: 30/11/2017


data pubblicazione: 08/06/2017
data scadenza: 30/11/2017

Vedi tutti